Ristrutturazioni • Meridiana Servizi S.p.A.

Lavori di ristrutturaione

Di seguito una raccolta di articoli con le ultime novità dal mondo della ristrutturazione con consigli e guide per ottimizzare al meglio il tuo ambiente domestico e non solo.

Per chiarimenti

Se hai bisogno di chiarimenti lo staff di Meridiana Servizi ti aiuterà ad individuare la soluzione più adatta alle tue esigenze.

Gli arredi quando si ristruttura casa

I mobili sono per loro natura gli elementi più facili da gestire ma spesso accade che un pezzo passi di padre in figlio, con chiaro valore affettivo, e ad esso non si voglia rinunciare.

Se allora sappiamo già che una vecchia e capiente credenza verrà ad abitare con noi o che ci seguirà pure il vecchio pianoforte che nessuno suona più, non pensare per tempo dove posizionarli può rappresentare un problema.

Infatti i mobili d’epoca oltre a essere belli e ad avere un valore sono pure di dimensioni generose e ci si può trovare nella situazione in cui si è obbligati a metterli là dove materialmente entrano. Si ha così che vengano nascosti alla vista e vadano a coprire prese elettriche o applique con conseguenti disagi. Pensare per tempo ad essi vuol dire invece realizzare nicchie o pareti adeguatamente proporzionate per accoglierli e metterne in giusto risalto l’importanza, pensando magari a predisporre un punto luce che possa illuminarli bene e valorizzarli.

 
 

Fonte // www.idealista.it

Leggi tutto

Ristrutturare con metodo finiture e rivestimenti alle pareti

Tra i lavori che interessano la ristrutturazione la finitura delle pareti è quello che solitamente viene più tralasciato, convinti che si possa decidere all’ultimo minuto e avere ciò che più piace. Ovviamente non è sempre così, poiché per applicare determinate finiture bisogna predisporre in modo specifico il sottofondo.

Bisogna pure sapere che se si vuole rivestire una parete in pietra o con altri materiali è inutile rifinirla per predisporla alla coloritura. Quindi, decidendolo per tempo, si evita di affrontare una spesa superflua. Allo stesso modo, se si intende rifinire una superficie con pitture decorative, materiche, ma si teme che i costi lievitino, parlandone con il proprio indoratore si potrebbe rimanere piacevolmente sorpresi.

Quando si fanno i lavori in un appartamento datato ci si confronta spesso con pareti che nel corso degli anni sono state più volte rinfrescate con pitture di natura diversa o su cui addirittura sono state attaccate carte da parati con colle che ancora persistono sulla superficie.

Per rendere tali pareti robuste, piane e pronte a ricevere il colore bisogna intervenire con delle procedure che hanno un costo. Ciò non accade sulle nuove pareti che, se opportunamente realizzate, possono essere decorate in modo più fantasioso e artistico con una spesa uguale o inferiore ad un trattamento standard. Se desiderate quindi avere delle pareti “speciali” non demordete prima di avere consultato un applicatore professionista che, valutando parete per parete, riuscirà ad accontentarvi rispettando il budget.

 
 

Fonte // www.idealista.it

Leggi tutto

Ristrutturare per migliorare l‘illuminazione della casa

Illuminare bene casa significa non solo renderla più bella, ma anche aumentarne la sensazione di benessere che si prova a viverci. Significa pensare agli spazi stabilendo dove collocheremo i lampadari, dove i faretti, le applique, le luci di accento o di atmosfera, ecc.

Ad esempio, se desiderate illuminare la zona divani e Tv con faretti incassati nel controsoffitto non basterà lasciare un punto luce da qualche parte a tetto, ma bisognerà impostare la struttura del controsoffitto stesso perché i traversi non impediscano il posizionamento dei faretti secondo lo schema e le distanze desiderate.

Se invece si vogliono realizzare dei tagli di luce con strisce a Led colorate oltre a fare i conti con la struttura del controsoffitto dovremo disporre di un punto di accesso per inserire, ed eventualmente sostituire, il trasformatore o eventuali altri apparati. Inconvenienti di tale natura potrebbero portare alla realizzazione di uno spazio diverso da quello immaginato, ossia meno bello e personale.

Anche qui, dunque, bisogna giocare d’anticipo e fare delle lunghe conversazioni in cantiere con l’elettricista prima che vengano realizzate le finiture a pareti e soffitto o che si realizzino i controsoffitti.

 
 

Fonte // www.idealista.it

Leggi tutto

Una ristrutturazione a regola d’arte passa anche delle finiture e dai rivestimenti alle pareti

Tra i lavori che interessano la ristrutturazione la finitura delle pareti è quello che solitamente viene più tralasciato, convinti che si possa decidere all’ultimo minuto e avere ciò che più piace. Ovviamente non è sempre così, poiché per applicare determinate finiture bisogna predisporre in modo specifico il sottofondo.

Bisogna pure sapere che se si vuole rivestire una parete in pietra o con altri materiali è inutile rifinirla per predisporla alla coloritura. Quindi, decidendolo per tempo, si evita di affrontare una spesa superflua. Allo stesso modo, se si intende rifinire una superficie con pitture decorative, materiche, ma si teme che i costi lievitino, parlandone con il proprio indoratore si potrebbe rimanere piacevolmente sorpresi.

Quando si fanno i lavori in un appartamento datato ci si confronta spesso con pareti che nel corso degli anni sono state più volte rinfrescate con pitture di natura diversa o su cui addirittura sono state attaccate carte da parati con colle che ancora persistono sulla superficie.

Per rendere tali pareti robuste, piane e pronte a ricevere il colore bisogna intervenire con delle procedure che hanno un costo. Ciò non accade sulle nuove pareti che, se opportunamente realizzate, possono essere decorate in modo più fantasioso e artistico con una spesa uguale o inferiore ad un trattamento standard. Se desiderate quindi avere delle pareti “speciali” non demordete prima di avere consultato un applicatore professionista che, valutando parete per parete, riuscirà ad accontentarvi rispettando il budget.

 

Fonte // www.idealista.it

Leggi tutto

La ristrutturazione della casa fondamentale: il pavimento

Il pavimento è “la scelta fondamentale” della ristrutturazione perché da questa scaturiscono atmosfera e stile dell’appartamento. Anche qui le opzioni abbondano: cementine, marmo, parquet, gres porcellanato, resina, ecc. Eppure anche per il pavimento non è semplicemente una questione di gusto e si potrebbe essere costretti a fare una scelta di ripiego se non si ricorre a tempestivi accorgimenti.

Il pavimento va posato su un sottofondo che può avere caratteristiche fisiche differenti a seconda del pavimento che si è acquistato. Inoltre ci appare chiaro, ma spesso solo quando è troppo tardi, che se la resina decorativa è una pellicola spessa 1-3 mm, le cementine normalmente 20 mm e nel caso del marmo anche 30 mm, mentre una comune piastrella ha lo spessore di 7-9 mm e se la ditta presente in cantiere non riceve indicazioni per tempo preparerà il sottofondo per quest’ultima opzione.

 

Fonte // www.idealista.it

Leggi tutto

Ristrutturare casa: la cucina, la stanza per molti più amata

Anche per la stanza per molti più amata non bisogna dare nulla per
scontato. Le brutte sorprese arrivano quando si va dal rivenditore certi di uscirne con la cucina dei sogni e scoprire che avremmo potuto averla, ma solo se avessimo tenuto conto preventivamente di alcune considerazioni.

In cucina abbiamo un’importante concentrazione di impianti e non è sufficiente aver predisposto una conduttura idrica con scarico e un paio di prese elettriche per assemblare le parti a nostro piacimento.

La cosa giusta da fare è quindi recarsi con la pianta dei locali presso il rivenditore prima che idraulico ed elettricista entrino in cucina e tornare a casa con uno schema degli impianti da predisporre.

Questo è ancora più vero se si vuole realizzare una cucina a isola o penisola: in tal caso gas, luce e acqua dovranno passare sotto il pavimento ed emergere nel punto esatto in cui servono.

 
 

Fonte // www.idealista.it

Leggi tutto

Idee per ristrutturare casa, l’impianto di riscaldamento

Tra le tante cose che si danno per scontate c’è che la casa sarà riscaldata, ma raramente si pensa come. Riscaldare un ambiente vuol dire innanzitutto fare una scelta tecnologica di cui bisogna valutare la fattibilità ma anche l’effetto che avrà sull’aspetto finale dell’intera abitazione.

Se infatti si opta per un impianto radiante a pavimento dobbiamo essere certi che la differenza di quota tra la soletta e il piano di calpestio finale sia tale da consentire la posa dei pannelli radianti e di uno strato adeguato di massetto soprastante (circa 7 cm) che garantisca la buona resa e funzionalità di tutto l’impianto.

Anche il più classico sistema di riscaldamento a piastre a parete necessita di essere pianificato accuratamente: i radiatori infatti copriranno porzioni di pareti su cui non sarà possibile accostare mobili e non potranno essere posizionati (a meno di particolari accorgimenti) su pareti al cui interno alloggeranno porte scorrevoli.

Se invece si desidera un impianto di climatizzazione aereo, del tipo canalizzato a vista, stile loft industriale, oppure celato all’interno della controsoffittatura, si dovranno fare le opportune valutazioni. Innanzitutto bisogna capire se l’altezza del soffitto consente di ancorarvi le condutture, soprattutto in presenza di travi che comportano un abbassamento di quota.

I canali di aerazione devono raggiungere tutti gli ambienti, anche quelli più piccoli, e il risultato potrebbe essere ben lungi dalle bellissime immagini che spopolano nelle riviste di settore. La soluzione può arrivare realizzando una controsoffittatura che, assecondando i cambiamenti di quota obbligati, possa anche risolvere esteticamente gli ambienti. Ricordate però che sotto determinate altezze il soffitto non può scendere.

 

Fonte // www.idealista.it

Leggi tutto

Come realizzare un progetto architettonico

L’architetto statunitense Peter Stewart ha presentato alcuni suggerimenti per realizzare un buon progetto architettonico. Già nel 2002, nel saggio “Design Review”, aveva segnalato tre principi: fermezza, utilità e coerenza. 

Ma a questi se ne aggiungono altri:

  • fermezza – la capacità di un’opera architettonia di essere durevole e ben realizzata
  • utilità – la coerenza dela struttura con lo scopo per cui è stata progettata
  • delizia – si riferisce all’aspetto estico, perché qualsiasi opera deve essere piacevole alla vista.
  • ordine- si manifesta attraverso la simmetria e l’equilibrio e rende la forma intelligibile e coerente il progetto.
  • chiarezza nell’organizzazione
  • espressione e rappresentazione – è utile per sapere quale sia lo scopo in un preciso paese o città
  • adeguatezza ambizione architettonica
  • integrità e onestà
  • linguaggio architettonico
  • conformità e contrasto
  • orientamento, prospettiva e aspetto
  • dettagli e materiali
  • struttura, sevizi ambientali e consumi energetici
  • flessibilità e adattabilità
  • sostenibilità

Fonte // www.idealista.it

Leggi tutto

Ristrutturare casa da soli: il fai da te può essere molto pericoloso

Forse non lo sai, ma sono più di 300.000 le persone che ogni anno si rivolgono ad un Pronto Soccorso perché si sono infortunate, in modo più o meno grave, mentre svolgevano dei lavori di bricolage o erano impegnate in una ristrutturazione di casa fai da te.

Ristrutturare casa da soli, a meno che non si sia dei veri esperti, può nascondere delle insidie anche mortali….ecco per te un piccolo elenco di cosa potrebbe capitarti se decidessi di ristrutturare casa da solo.

Cadute – cadere da una sedia o da una scala traballante, con la possibilità di rompersi qualche osso, è uno degli incidenti più probabili che ti possono capitare se decidi di avventurarti nella riverniciatura di pareti e soffitti. Se poi proprio insisti a volerti imbarcare in questa impresa fammi almeno il favore di farti aiutare da un amico o di usare uno straccio di imbracatura.

Attrezzi in cattive condizioni – spero che non serva ricordarti che trapani, motoseghe, saldatrici e compagnia bella sono attrezzi che bisogna saper usare se non si vuole rimanere con un dito in meno o tre ombelichi….poi, se non sono state nemmeno tenute in buone condizioni, aggiungici anche rischi di scosse elettriche, scoppi ed esplosioni…. vedi un po’ tu come regolarti….

Attrezzi usati impropriamente – stai ristrutturando casa da solo e, visto che non sei esperto, ti sei dimenticato il martello per piantare quell’ultimo maledetto chiodo… Ti accendi una sigaretta, afferri la bomboletta di vernice spray che hai sottomano….ed ecco qui la tragedia: la bomboletta di vernice spray è sotto pressione e come la sbatterai sul chiodo ti esploderà in faccia…..in più la vernice è infiammabile e ti ustionerai…. inizi a capire di cosa stiamo parlando???

Mancanza di abbigliamento antinfortunistico – ristrutturare casa da soli non è come andare al mare o al supermercato e la foto della super-mamma che si rifa’ il bagno in minigonna e tacchi a spillo, mi spiace dirtelo, è finta. Se proprio insisti a volerti ristrutturare casa da solo mettiti in testa che devi proteggerti: occhiali (una scheggia in un occhio è il meno che possa capitare), guanti (immagino che non vedi l’ora di tagliarti con un bel cacciavite arrugginito), scarpe antiscivolo, un casco e una mascherina sono cose di cui non potrai fare a meno. Scherzi a parte, sono veramente importanti.

Tenere lontani bambini e animali – credo che non ci sia bisogno di ricordarti che bambini e animali non si devono aggirare nel cantiere che hai in mente di improvvisare. Qualsiasi cantiere, per sua natura, è un ambiente pericoloso…..pensa se il tuo gattino volesse assaggiare la vernice che ti si è appena rovesciata o che tuo figlio si mettesse a giocare con i cavi dell’impianto elettrico che hai deciso di rifare da solo…..

Attento a non intossicarti – vernici, solventi, malte, colle sono tutte sostanze tossiche, irritanti e che possono causare reazioni allergiche…. leggi bene prima le etichette di quello che andrai a maneggiare e, per carità, fa’ quello che ti dicono…..

Folgorazioni – sei un impiegato, ti è venuta l’idea di ristrutturare casa in economia e di rifare da solo proprio l’impianto elettrico…. ricordati almeno di staccare la corrente dall’interruttore principale…. poi ti confesso un segreto: quando da piccolo mettevo le dita nella presa della corrente mia madre mi prendeva a sberle…..

Fonte //www.linkedin.com/company/bandi-pnrr

Leggi tutto

Lavori di ritrutturazione

ATTENZIONE!
Il servizio è attivo solo nella regione Campania

Hai bisogno di fare lavori di ristrutturazione?
Cerchi chiarimenti sul PNRR?

Lascia un recapito, ti ricontattiamo noi