Le ultime sugli incentivi del PNRR

Di seguito una raccolta di articoli sul Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza e le misure finanziarie, fiscali e di sostegno ad esso collegate.

Per chiarimenti

Se hai bisogno di chiarimenti lo staff di Meridiana Servizi ti aiuterà ad individuare la soluzione più adatta alle tue esigenze.

Ristrutturare casa da soli: il fai da te può essere molto pericoloso

Forse non lo sai, ma sono più di 300.000 le persone che ogni anno si rivolgono ad un Pronto Soccorso perché si sono infortunate, in modo più o meno grave, mentre svolgevano dei lavori di bricolage o erano impegnate in una ristrutturazione di casa fai da te.

Ristrutturare casa da soli, a meno che non si sia dei veri esperti, può nascondere delle insidie anche mortali….ecco per te un piccolo elenco di cosa potrebbe capitarti se decidessi di ristrutturare casa da solo.

Cadute – cadere da una sedia o da una scala traballante, con la possibilità di rompersi qualche osso, è uno degli incidenti più probabili che ti possono capitare se decidi di avventurarti nella riverniciatura di pareti e soffitti. Se poi proprio insisti a volerti imbarcare in questa impresa fammi almeno il favore di farti aiutare da un amico o di usare uno straccio di imbracatura.

Attrezzi in cattive condizioni – spero che non serva ricordarti che trapani, motoseghe, saldatrici e compagnia bella sono attrezzi che bisogna saper usare se non si vuole rimanere con un dito in meno o tre ombelichi….poi, se non sono state nemmeno tenute in buone condizioni, aggiungici anche rischi di scosse elettriche, scoppi ed esplosioni…. vedi un po’ tu come regolarti….

Attrezzi usati impropriamente – stai ristrutturando casa da solo e, visto che non sei esperto, ti sei dimenticato il martello per piantare quell’ultimo maledetto chiodo… Ti accendi una sigaretta, afferri la bomboletta di vernice spray che hai sottomano….ed ecco qui la tragedia: la bomboletta di vernice spray è sotto pressione e come la sbatterai sul chiodo ti esploderà in faccia…..in più la vernice è infiammabile e ti ustionerai…. inizi a capire di cosa stiamo parlando???

Mancanza di abbigliamento antinfortunistico – ristrutturare casa da soli non è come andare al mare o al supermercato e la foto della super-mamma che si rifa’ il bagno in minigonna e tacchi a spillo, mi spiace dirtelo, è finta. Se proprio insisti a volerti ristrutturare casa da solo mettiti in testa che devi proteggerti: occhiali (una scheggia in un occhio è il meno che possa capitare), guanti (immagino che non vedi l’ora di tagliarti con un bel cacciavite arrugginito), scarpe antiscivolo, un casco e una mascherina sono cose di cui non potrai fare a meno. Scherzi a parte, sono veramente importanti.

Tenere lontani bambini e animali – credo che non ci sia bisogno di ricordarti che bambini e animali non si devono aggirare nel cantiere che hai in mente di improvvisare. Qualsiasi cantiere, per sua natura, è un ambiente pericoloso…..pensa se il tuo gattino volesse assaggiare la vernice che ti si è appena rovesciata o che tuo figlio si mettesse a giocare con i cavi dell’impianto elettrico che hai deciso di rifare da solo…..

Attento a non intossicarti – vernici, solventi, malte, colle sono tutte sostanze tossiche, irritanti e che possono causare reazioni allergiche…. leggi bene prima le etichette di quello che andrai a maneggiare e, per carità, fa’ quello che ti dicono…..

Folgorazioni – sei un impiegato, ti è venuta l’idea di ristrutturare casa in economia e di rifare da solo proprio l’impianto elettrico…. ricordati almeno di staccare la corrente dall’interruttore principale…. poi ti confesso un segreto: quando da piccolo mettevo le dita nella presa della corrente mia madre mi prendeva a sberle…..

Fonte //www.linkedin.com/company/bandi-pnrr

Leggi tutto

PNRR: l’importanza del partenariato per la realizzazione dei progetti

Cos’è il Partenariato Pubblico Privato

Il PNRR indica il partenariato pubblico-privato (P.P.P) come un catalizzatore utile alla ripresa e allo sviluppo effettivo dei progetti.

I progetti di partenariato pubblico-privato costituiscono la gran parte di quelli del PNRR.

Il Partenariato Pubblico Privato è uno strumento conosciuto da tempo che oggi raccoglie la sfida dell’innovazione e dell’adozione di procedure nuove per accrescere l’efficacia e l’efficienza dei progetti del PNRR.

Il P.P.P. è un insieme di forme di collaborazione tra il settore pubblico e quello privato, in cui le rispettive risorse e competenze si integrano per la realizzazione di opere pubbliche o di pubblica utilità e per la gestione dei relativi servizi.

Ciò implica:

  • una durata medio-lunga della collaborazione tra l’Amministrazione ed il Privato;
  • un finanziamento in tutto o in parte a carico del Privato;
  • bilanciamento dei rischi tra pubblico e privato

Alcuni dei bandi chiave del PNRR, sono stati costruiti in modo da includere collaborazioni tra gli enti pubblici e soggetti privati per la gestione di servizi o infrastrutture di interesse collettivo, che non potrebbero essere realizzati con investimenti esclusivamente pubblici.

È il caso, ad esempio, della realizzazione di soluzioni abitative per gli studenti (missione 4, componente 1, investimento 1.7), della rigenerazione urbana e social housing (missione 5 componente 2 investimenti 2.1 e 2.3), degli interventi della Missione 1 sulla digitalizzazione e la cultura e della Missione 6 sulla sanità.

Come trovare il partenariato giusto: ricorso a professionisti specializzati

Non basta capire ed analizzare un bando a cui si decide di partecipare

Il partenariato, soprattutto nell’ottica PNRR, è uno strumento di costruzione di modelli condivisi, per questo diventa un mezzo importantissimo, laddove si valuta necessario, per la riuscita di un progetto. Il punto è saper individuare il partenariato giusto per il progetto che abbiamo davanti.

Trovare il partenariato giusto è quindi fondamentale:

  1. laddove sia un requisito obbligatorio
  2. aiuta la realizzazione del progetto
  3. lo rafforza economicamente per l’esecuzione del progetto e la continuità nel tempo;

Il ricorso a professionisti specializzati è fondamentale in un ambito così complesso e articolato per evitare un rischio di fallimento.

Bisogna conoscere accuratamente le normative e gli strumenti operativi anche per la selezione del partenariato.

I professionisti specializzati accompagnano le aziende nella costruzione di un contesto di governance multilivello che favorisca in chiave virtuosa i partenariati fra istituzioni-imprese, soggetti pubblici-privati per garantire una sostenibilità economica, sociale e ambientale di medio-lungo periodo.

I principali criteri di valutazione del partenariato posso essere individuati nella:

  • individuazione del progetto: questa fase è importante, perché serve a stabilire se è possibile (e opportuno) che il progetto selezionato sia realizzato come Partenariato
  • analisi del Value for Money (VfM), indicatore che rappresenta il margine di convenienza dell’operazione;
  • considerazione della solidità e sostenibilità economica-finanziaria;
  • valutazione dell’autorevolezza e della capacità di ricoprire i fabbisogni e di disegnare modelli di governance

 

Strumenti a disposizione per la ricerca

I principali strumenti utili per trovare Partner di progetto a disposizione di una azienda, di un centro di ricerca, di una Università sono:

Il portale europeo risulta sempre molto utile: le imprese si registrano, pubblicano progetti in corso, anche ricerca di partenariato. Più progetti si pubblicano o a cui si partecipa, più esperienza sul campo, maggiori saranno le possibilità di diventare aziende capofila.

Il portale è molto valido anche per progetti ricerca e innovazione, sono iscritte infatti anche Università e Centri di ricerca.

Portfolio delle società di consulenza è sempre un vantaggio per la ricerca di partner o partnership private. Per questo, per aderire a bandi o finanziamenti, essere seguiti da società di consulenza con solidi contatti e network ha certamente un valore aggiunto;

Istituzioni territoriali ( Comuni o Regioni) Nel caso di Partenariato Pubblico Privato, il contatto è ovviamente con le istituzioni del territorio (Comuni e Regione), bisogna anche qui avere esperienza sul funzionamento della macchina pubblica, contattare gli assessori di riferimento, sapere districarsi.

Soprattutto se i progetti da realizzare sono in ambito sociale, culturale o sanitario, il rapporto con le Istituzioni territoriali è fondamentale.

RC Consulting ha esperienza nella ricerca e gestione del Partenariato per la realizzazione e la gestione degli investimenti. Se hai bisogno di una consulenza contattaci a info@bandipnrr.it.

Fonte //www.linkedin.com/company/bandi-pnrr

Leggi tutto

Lavori edili

    Contattami*